Logo
Dal 18 al 21 settembre si terrà un incontro tra 62 editori di 38 Paesi dall’Europa, dall’Asia, dall’America Latina e dal Sud Africa. Fidare sarà l’unica rappresentanza italiana dell’incontro ad avere l’occasione di portare il suo contributo con idee e proposte all’Unione Europea per creare nuove linee guide in difesa della bibliodiversità.
Si proporrà:
– la creazione di una legge che preveda per le biblioteche l’acquisto annuale di un numero di copie di testi per lingua straniera in proporzione alla presenza numerica di parlanti di quella lingua sul territorio;
– l’istituzione di concorsi nazionali che premino i libri dell’editoria indipendente, così da promuovere la diffusione di prodotti di qualità al grande pubblico;
– interventi per sostenere gli editori indipendenti che salvaguardano le culture locali nelle loro pubblicazioni;
– il potenziamento delle partnership già esistenti tra editori indipendenti;
– la creazione di un’app e di un sito internet che contengano la cartografia degli editori indipendenti in Europa, con informazioni sulla loro collocazione territoriale e sui loro titoli;
– finanziamenti per incoraggiare la traduzione dei libri nelle lingue europee più diffuse;
– interventi che coinvolgano le scuole e le librerie per incentivare la lettura.L’incontro sarà patrocinato dall’Unesco e proseguirà il lavoro già svolto nei sette laboratori tenutisi tra il 2012 e il 2014. Sono previsti anche incontri con L’Open book festival.